Il Paradiso esiste. In Puglia: Masseria Montenapoleone.

Chi dice che il Paradiso è qualcosa di cui poter godere solo da morti, si sbaglia.

Ho le prove, infatti, della sua esistenza qui in terra, addirittura in Italia.

Basta andare in Puglia, raggiungere Pezze di Greco (a un’ora circa da Bari) e cercare la Masseria Montenapoleone. Non appena varcherete il cancello di questo angolo incontaminato di terra, vi sembrerà di toccare il cielo con un dito.

La Masseria sorge in un’ area completamente circondata da ulivi secolari, che si estendono a perdita d’occhio. A soli 6 km il mare. Ma l’ultima cosa che vi verrà voglia di fare una volta arrivati, è andarvene da qui.

La Masseria Montenapoleone

Perché la pace, il silenzio e la bellezza di questo luogo, sono un emolliente per l’anima e per lo sguardo.

Non appena arrivati verrete accolti da Doriana e Giuliano, proprietario di questo luogo incantato, nonché colui che l’ha ripreso in mano, dopo quasi cinquant’anni di abbandono, facendone un luogo assolutamente unico nel suo genere. Grazie al suo gusto raffinatissimo, infatti, all’ esperienza maturata in Francia (dove ha vissuto per quasi dieci anni) e ad un inequivocabile tocco da artista, ogni angolo della masseria denota un’attenzione ai particolari degna di un Interior Designer. La cosa bella è che tutto è completamente inserito in un contesto naturale, all’interno del quale il particolare si nasconde, ma allo stesso tempo ne esalta la bellezza.

Come, ad esempio, i vetri delle vecchie damigiane, usati per decorare il vialetto interno, o un vecchio baule adibito a tavolo, oppure ancora una cassetta della frutta, ricoperta di pizzo bianco e usata come mobiletto per appoggiarvi la frutta.

Un vecchio baule usato come tavolo

Ogni particolare è, per prima cosa, riciclato, ma soprattutto pensato per abbellire con cura gli ambienti, e allo stesso tempo essere funzionale.

La sala colazioni è forse il luogo più bello della masseria. I tavoli e le sedie sono di legno grezzo, finemente colorato in tonalità pastello (anche i seggioloni dei bambini) e il tutto richiama uno stile provenzale assolutamente intramontabile. Ogni angolo presenta qualcosa di unico ed è un piacere passare del tempo qui a scrivere, leggere un libro, o anche semplicemente a contemplare ciò che ci circonda.

Il patio esterno Sala colazioni esterna

Inoltre, a disposizione dei clienti, in ogni momento della giornata, ci sono fruttiere ricolme dei prodotti della masseria. In questo periodo: arance, mandarini, limoni, mele, tutti coltivati qui.

Le arance coltivate in masseria

Si, perché l’attenzione alla natura e al paesaggio passa anche attraverso l’alimentazione, rigorosamente bio, grazie all’orto, al frutteto e al piccolo pollaio/ovile dove “sguazzano” felici maiali, maialini, galline, capre, caprette, e oche.

PUGLIA 2707

La colazione è ricca oltre misura: torte fatte in casa di ogni tipo (alle mele, allo yogurth, crostate, vaniglia e cioccolato), biscotti, yogurth naturale, marmellate, succhi di frutta, pane, cereali, frutta secca, noci, mandorle, uova fresche. C’è di tutto e di più, e potremmo passare l’intera giornata ad assaggiare tutto.

Le torte fatte in casa I biscotti caserecci

Come ogni luogo di relax che si rispetti, non manca la piscina, che qui sembra più un bacino naturale di acqua scavato nella roccia. La vista dà direttamente sugli ulivi e basta guardare bene per vedere, in lontananza, anche il mare.

La piscina

Il pezzo forte è la camera in cui abbiamo soggiornato: la Suite Grotta degli Angeli, ovvero la parte originaria della masseria, su cui è sorto, in seguito, il blocco centrale. Calda d’inverno e fresca d’estate, è il luogo in cui viveva tutta la famiglia quando è stata costruita. Adesso è una raffinata alcova in cui staccare la spina, grazie al silenzio assoluto e alla linea dei cellulari assente dovuta alla struttura delle mura. Ringraziamo il cielo che nel 2014 esistano ancora luoghi del genere!

La Grotta degli Angeli  La Grotta degli Angeli

La Grotta degli Angeli

Dopo un week end qui sarà assolutamente impossibile andarsene senza provare un senso di nostalgia ancor prima di varcare il cancello d’ingresso – che in questo caso sarà d’uscita – e che vorreste poter bloccare con tutte le vostre forze, per rimanere intrappolati per sempre in questo angolo di Paradiso.

La masseria al tramonto